Palazzo della Borsa Valori

Genova

Il Palazzo della Nuova Borsa Valori è un edificio storico di Genova, sito in Piazza De Ferrari, noto anche come Palazzo della Borsa.

Genova, tra storia e commercio

Genova ha un’antica storia per l’attività degli scambi commerciali. Nell’età medioevale e dei comuni, gli scambi avvenivano nella Piazza di Banchi, così detta per via dei banchi installativi da mercanti, notai, e cambiavalute. Nel 1700 l’attività e le contrattazioni ebbero come luoghi gli scagni privati, a Palazzo San Giorgio e sempre a Piazza Banchi. Nel 1822 fu istituita dalla Camera di Commercio una commissione per fissare in base alla media dei prezzi contrattati i cambi tra Genova e le più importanti piazze commerciali europee. Il 1840 vide dopo il restauro della Loggia di Banchi l’edificio dedicato alle contrattazioni di Borsa con un primo regolamento camerale, col 1845 si ebbe il primo listino il Corso dei cambi con le quotazioni di titoli di stato e delle azioni.

La nascita della Borsa di commercio

Nel 1855, viene ufficializzata da un decreto di Cavour la nascita della Borsa di commercio nella Loggia di Banchi e nel Palazzo Senarega amministrata dalla Camera di Commercio di Genova, in cui erano gli operatori i sensali e gli agenti di cambio autorizzati, che fecero erigere un monumento a Cavour nella Loggia dallo scultore Vincenzo Vela, poi distrutto nel 1942 da un bombardamento. Il 27 giugno 1905 nacque la società Nuova Borsa per la costruzione del palazzo che costò sette milioni di lire dell’epoca. Nel 1912, la Borsa delle Merci rimase nella Loggia di Banchi, ove resterà sino al 1985, mentre la Borsa Valori si trasferì in Piazza De Ferrari, nel nuovo palazzo, appena costruito. Venne inaugurato il 20 luglio 1912.
Fu evento di rilevanza nazionale.

Palazzo della Borsa Valori di Genova - Architettura e Monumenti - SoreX Photo by Stefano Soresina
Palazzo della Borsa Valori di Genova - SoreX Photo
Palazzo della Borsa Valori di Genova - SoreX Photo
ut nec porta. elit. sem, consequat. libero. ut venenatis